“Nel 2030 vorremmo gestire tutti i servizi senza emissioni di carbonio”

Presso Google Svizzera, circa 4500 persone lavorano a tutte le grandi applicazioni di Google, come Google Maps o YouTube. Un dialogo con il Country Director di Google Svizzera, Patrick Warnking, e il capo tecnico della sede, Lucia Terrenghi, sull’innovazione, sullo stretto legame con la Svizzera e sul vantaggio di dipendenti diversi.

8 minuti di tempo di lettura

Signor Warnking, Lei conduce gli affari di Google in Svizzera. Come descriverebbe la sede?

Patrick Warnking: Innovazione è la parola chiave. È scritta nel DNA della Svizzera, tanto quanto nel DNA di Google. Qui, in questa sede, sviluppiamo strumenti digitali utili nella vita quotidiana o rilevanti per gli affari dei nostri utenti.

Signora Terrenghi, in qualità di Site Lead Lei si trova in prima fila nella squadra di sviluppo del prodotto e dirige, insieme ad altri manager, gli uffici di Google a Zurigo. Che cosa accade esattamente qui?

Lucia Terrenghi: Zurigo è la sede di sviluppo più grande al di fuori degli Stati Uniti. Qui si lavora, tra l’altro, a prodotti come Google Maps, Google Assistant, Gmail, YouTube o Google Cloud.

Quanti Googler lavorano nella città?

Lucia Terrenghi: A Zurigo, in entrambe le nostre sedi, ci sono approssimativamente 4500 persone provenienti da circa 85 nazioni diverse. Viviamo un’enorme diversità culturale e linguistica.

“Già dal 2007 Google ha raggiunto nel suo lavoro la neutralità in termini di carbonio, nel 2030 vorremmo gestire tutti i nostri servizi senza emissioni di carbonio. E speriamo di essere presto in grado di aiutare gli utenti a prendere decisioni più sostenibili a tanti livelli.”

Patrick Warnking

Patrick Warnking

Patrick Warnking è entrato a fare parte di Google nel 2007, e dal 2011 è Country Director di Google Svizzera.

Lucia Terrenghi

Prima di cominciare presso Google a Zurigo, nel 2010, Lucia Terrenghi ha lavorato, tra l’altro, per Vodafone a Monaco. Lei gestisce la sede insieme ad altri tre dirigenti.

Vista del Google Campus a Zurigo, detto Hürlimann-Areal.

Vista del Google Campus a Zurigo, detto Hürlimann-Areal.

È possibile riconoscere, nonostante questa diversità nei servizi Google, qualcosa che si possa definire un’influenza svizzera?

Lucia Terrenghi: In Svizzera viviamo vicini alla natura, e la coscienza ecologica è conseguentemente forte. Anche per questo motivo, sono stati e vengono sviluppati molti prodotti che tengono conto del concetto di sostenibilità. Ultimamente abbiamo lavorato, tra l’altro, per far sì che gli utenti possano comparare le emissioni di voli diversi tramite la ricerca voli di Google.

Patrick Warnking: Già dal 2007 Google ha raggiunto nel suo lavoro la neutralità in termini di carbonio, nel 2030 vorremmo gestire tutti i nostri servizi senza emissioni di carbonio. E speriamo di essere presto in grado di aiutare gli utenti a prendere decisioni più sostenibili a tanti livelli.

Cioè?

Patrick Warnking: Se chiedo a Google Maps come arrivare, ad esempio, da Zurigo a Francoforte, oggi posso scegliere: per quanto riguarda il mio viaggio posso orientarmi in base al tempo, al denaro o alle emissioni di carbonio. Posso riconoscere l’impronta di carbonio dei mezzi di trasporto e decidere come spostarmi. Se Lei considera che ogni giorno più di un miliardo di persone usa Google Maps, appare evidente quanto sia potente questa leva. Insieme a molti partner in Svizzera mettiamo sempre alla prova nuove idee, che poi possiamo riportare su scala globale.

Ad esempio?

Patrick Warnking: Google Maps è nato sostanzialmente in Svizzera. Da allora, le nostre squadre a Zurigo si occupano di come le persone si spostino da A a B. In una postazione collaboriamo con le FFS, chiedendoci come mappare meglio il passaggio dal trasporto pubblico alla bicicletta. I risultati di questo tipo di progetti con partner confluiscono nei nostri prodotti e possono essere estesi a livello internazionale o addirittura implementati su scala globale.

“La diversità dei nostri dipendenti è la base per delle innovazioni di successo.”

Lucia Terrenghi

Ecosistema
Intorno a Google Svizzera si è sviluppato un ecosistema digitale: più di 60 ex-Googler hanno fondato a loro volta delle start-up nel paese. Tanti altri hanno intrapreso la carriera di docenti presso università rinomate, o lavorano in imprese svizzere.

Da dove deriva l’accento posto sui partenariati?

Patrick Warnking: In Svizzera le distanze sono molto brevi e le porte sono spalancate. Di solito, arriviamo con grande facilità a uno scambio con le istituzioni educative, le ONG, le associazioni e le imprese, e ciò è sempre costruttivo. Questo ci aiuta e ispira. Così, un Presidente della Confederazione Elvetica una volta ha perfino parlato di una “storia d’amore” tra la Svizzera e Google.



Signora Terrenghi, qui su quali prodotti si lavora più intensamente?

Lucia Terrenghi: Stiamo lavorando, ad esempio, sulla ricerca Google, su Google Shopping o sul Google Assistant, perché ci occupiamo molto della conoscenza innata della lingua, e dunque di come il computer capisca la lingua. Anche la nostra offerta di Google Cloud è in crescita, perché sempre più organizzazioni utilizzano i centri di calcolo in cloud di Google. Abbiamo grandi squadre di YouTube e di ricerca, e le nostre colleghe e i nostri colleghi di Travel continuano a sviluppare, tra l’altro, Google Maps, facendo sì che possiamo navigare in modo più efficiente ed esplorare il nostro ambiente in modo più consapevole. Come ha già detto Patrick: vogliamo permettere ai nostri utenti di prendere decisioni più sostenibili. Ognuno deve essere in grado di dare un contributo alla protezione del clima.


Patrick Warnking: Il bello è che qui i responsabili dei prodotti collaborano in modo trasversale. Alla fine, tutti i servizi di Google devono funzionare insieme – ad esempio quando si desidera salvare un luogo di Google Maps direttamente in una data nel calendario di Google.



L’innovazione nasce, tra l’altro, dove si riuniscono svariate prospettive. È questo il motivo per cui proprio qui nascono così tante innovazioni?

Lucia Terrenghi: Io provengo dal settore dell’User Experience, dove analizziamo come la gente utilizza le applicazioni digitali. Se con i nostri servizi vogliamo raggiungere il maggior numero possibile di persone al mondo, è necessario che al processo di sviluppo partecipino il più possibile tanti gruppi diversi. Questa molteplicità di persone e progetti, qui negli uffici, favorisce anche la mobilità tra i progetti: In media, la maggior parte delle colleghe e dei colleghi rimane per tre anni in un progetto e poi passa ad un’altra squadra, arricchendone il lavoro. La diversità dei nostri dipendenti è la base per delle innovazioni di successo.

Prima di tutto le persone: per due giorni alla settimana, ogni Googler può scegliere liberamente il suo luogo di lavoro all’interno della Svizzera e non deve andare per forza in ufficio.

Prima di tutto le persone: per due giorni alla settimana, ogni Googler può scegliere liberamente il suo luogo di lavoro all’interno della Svizzera e non deve andare per forza in ufficio.

Per quattro settimane all’anno, i collaboratori possono perfino lavorare da qualsiasi parte del mondo.

Per quattro settimane all’anno, i collaboratori possono perfino lavorare da qualsiasi parte del mondo.

Gli specialisti nel campo dell’informatica sono i benvenuti. Lei come trova il personale giusto?

Patrick Warnking: Ricerchiamo i talenti adatti a livello globale. L’attrattività della nostra sede ci è d’aiuto. Tuttavia, vorremmo soprattutto assumere personale che vive già in Svizzera: la Svizzera è stato il primo paese al mondo in cui Google ha offerto anche una formazione professionale. Inoltre le università svizzere formano talenti eccellenti.



Da poco, esse formano informatici specializzati nello sviluppo di applicazioni.

Patrick Warnking: Sì, e sono del tutto nuovi anche gli apprendistati per diventare Interactive Media Designer. Sono un vero appassionato di questo programma: è esattamente quello che io intendo con “assumersi la responsabilità”. In tanti progetti diversi proviamo ad entusiasmare i giovani e soprattutto le ragazze, perché intraprendano una formazione nel campo della matematica, dell’informatica o delle scienze naturali.



Signora Terrenghi, come può riuscire tutto questo?

Lucia Terrenghi: Per tanti giovani, il significato del loro lavoro è in primo piano: a che cosa serve il servizio a cui lavorano? Che cosa possono provocare loro stessi? Da noi le ragazze – ma naturalmente anche i ragazzi – scoprono come la tecnologia può risolvere grandi sfide e portare a una maggiore sostenibilità, ma anche a più uguaglianza e ad un accesso migliore alle informazioni. Questa conoscenza, per tanti, è un fattore motivante.



Lei stessa si impegna perché più donne lavorino presso Google, vero?

Lucia Terrenghi: Sì, da anni mi impegno per “Google Women in Engineering”: organizziamo eventi e conferenze, invitiamo ragazze alla Giornata Nuovo Futuro o manteniamo partenariati come quello con le “Women in Tech in Switzerland”. In questi gruppi, le donne che studiano o hanno studiato Discipline Tecniche creano una rete, da cui peraltro ho ricevuto supporto anch’io.

Sala macchine
Diverse centinaia di sviluppatori a Zurigo si occupano della cosiddetta Site Reliability: garantiscono la sicurezza e la manutenzione delle funzioni principali di tutti i servizi Google, che si tratti di YouTube o di GooglePay.

“In tanti progetti diversi proviamo ad entusiasmare i giovani e soprattutto le ragazze, perché intraprendano una formazione nel campo della matematica, dell’informatica o delle scienze naturali.”

Patrick Warnking

Signor Warnking, in futuro come si svilupperà Google Svizzera?

Patrick Warnking: Non lo so – e questa è la verità. Il nostro lavoro si sviluppa dinamicamente. Ogni volta che dei progetti lanciati a Zurigo hanno successo, nascono ulteriori posti di lavoro.

Lucia Terrenghi: Negli anni scorsi, ad esempio, abbiamo assistito a una grande crescita della nostra squadra di commercio, perché il commercio ha subito una spinta alla digitalizzazione soprattutto a causa della pandemia di coronavirus. I commercianti sfruttano maggiormente Google Shopping e diventano visibili online con i loro prodotti. Lavoriamo a soluzioni che facilitino questa trasformazione del commercio.

Patrick Warnking: Oppure, prendiamo i produttori di orologi svizzeri e le aziende come Mammut, On, Nestlé, Roche o Novartis che, oggi più che mai, lavorano con YouTube – anche se non operano nell’e-commerce. Tanta gente utilizza la piattaforma al posto delle istruzioni per l’uso scritte. Se voglio sapere come impostare il mio orologio, come sfiatare i freni della mia bicicletta o montare una tenda, guardo semplicemente un video.

Nel percorso verso la digitalizzazione, una serie di imprese sta modificando il suo modo di lavorare. Come e dove lavoreranno, in futuro, le oltre 4500 persone attive presso Google in Svizzera?

Lucia Terrenghi: Innanzitutto in modo flessibile: ogni settimana, ogni dipendente può lavorare per due giorni in un luogo di propria scelta. Inoltre, per quattro settimane all’anno, tutti hanno la possibilità di scegliere del tutto liberamente il proprio luogo di lavoro, e di lavorare da qualsiasi parte del mondo. Ma anche nello sviluppo dei nostri servizi sperimenteremo, perché ogni squadra e ogni progetto sviluppa un proprio ritmo – e non in ogni fase del lavoro si ha, ad esempio, bisogno di una lavagna bianca o di una sala riunioni. Allo stesso tempo, i problemi complessi non si risolvono necessariamente lavorando da soli davanti allo schermo, ma piuttosto davanti ad una tazza di tè insieme o durante una partita a biliardo.

Patrick Warnking: Per noi “Prima di tutto le persone” valeva già prima della pandemia, ma ora è ancora più importante. Guardiamo se le persone stanno bene e come possiamo sostenerle. Il lavoro deve essere adatto alle necessità di vita dei nostri dipendenti. In questo modo estendiamo costantemente la base del nostro successo.

Partner di Google Svizzera

Per i collaboratori Google, lo scambio e la collaborazione con i partner più diversi sono una questione fondamentale. Qui una selezione (incompleta):

Advance

digitalswitzerland

EPFL

ETH

Fachhochschule Nordwestschweiz

HANDELSVERBAND.swiss

ICT Scouts

Institut für Jungunternehmen

Impact Hub Switzerland

localsearch

Pro Juventute

strategy sprints

Swiss Cleantech

WKS KV Bildung

Foto: Yves Bachmann

Storie correlate